Vettori e mappa della zona degli insetti

anti-moustiques

Si definisce vettore un meccanismo, generalmente un organismo, che trasmette un agente infettivo da individui colpiti ad altri che non sono portatori di detto agente.

Sono la zanzara comune, la zanzara tigre, la zanzara dengue e insetti a sei zampe come mosche, cimici, pulci o pidocchi; ma anche animali a otto zampe come zecche e acari.

Le zanzare misurano appena pochi millimetri e sono tra gli animali che più vittime umane provocano ogni anno. Vivono praticamente in tutto il pianeta tranne ai poli; possono “sentire” l’odore del sangue umano fino a una distanza di 50 kilometri e gli organismi che trasmette la sua puntura sono responsabili di oltre 200 milioni di nuovi infettati ogni anno. Almeno un milione di persone muore di malaria in tutto il mondo ogni anno.

Sin dalle sue origini, l’umanità è stata vittima, in maniera diretta o indiretta degli insetti. Con il trascorrere dei secoli l’essere umano si è evoluto, purtroppo però l’hanno fatto anche i vettori, convertendosi nei suoi avversari più efficienti e mettendo a dura prova l’abilità di sopravvivenza dell’essere umano.

Possiedono una grande abilità di adattamento, la capacità di riprodursi velocemente e in poco tempo e un gran potere di distribuzione; tutti fattori che incidono sulla capacità degli insetti per sviluppare popolazioni enormi, un pericolo per la salute umana.

L’incidenza di queste malattie sembra essere in aumento. Esistono molte spiegazioni che sostengono questa tendenza: la gente sta sviluppando resistenza alle medicine che aiutano a combattere la malaria; le zanzare stanno sviluppando resistenza agli insetticidi; i cambi climatici aprono il passo a nuovi siti di riproduzione. D’altra parte i fenomeni di emigrazione, il cambio climatico e la creazione di nuovi ambienti fano si che un minor numero di persone sviluppi un’immunità naturale contro queste malattie.

A causa di questi fattori, abbiamo deciso di creare prodotti come le Magliette protettrici anti-vettori di STINGbye, con il desiderio di allontanare i vettori intorno a noi.

ALIMENTACIÓN DE LOS VECTORES:

La maggior parte dei vettori sono insetti ematofagi, significa che si nutrono di sangue. Tra i casi più notevoli di ematofagi ci sono le zanzare, anche se solo le femmine sono ematofaghe; hanno bisogno di sangue per deporre le loro uova e ottengono questo nutrimento facilmente accedendo alla nostra circolazione sanguigna. Come detto i maschi non depongono le uova, quindi non hanno bisogno del sangue e non pungono.

Poi ci sono i dermatofagi come gli acari, che si alimentano della nostra pelle morta; un terzo gruppo è costituito dagli ectoparassiti che vivono nella parte esteriore del nostro corpo: pulci, pidocchi, cimici ecc…

 

MALATTIE TRASMESSE DAI VETTORI:

Alcune malattie trasmesse dai vettori sono legate all’acqua e sono quelle trasmesse da vettori come le zanzare, che nascono e vivono vicino a fonti d’acqua contaminate e non contaminate. Milioni di persone soffrono per le malattie trasmesse da questi vettori che infettano le persone con la malaria, la febbre gialla, la febbre dengue, la filariosi ecc…

Ed è su questi trasmettitori di malattie infettive, che si concentrano gli sforzi per sradicare queste malattie. Le malattie principali e quelli più comuni sono:

La febbre gialla/ dengue, trasmessa dalla zanzara Stegomyia aegypti. il paludismo, trasmessa dalla zanzara Anopheles. La malattia del sonno o tripanosomiasi africana, trasmessa dalla mosca Tse-tse. La malattia di Chagas, trasmessa dalle cimici. La malattia di Lyme, trasmessa dalle zecche. Il tifo trasmesso da pidocchi, pulci e zecche. Scabbia o rogna, malattia della pelle generata dall’acaro parassita Sarcoptes scabiei. Leishmaniosi (il kala azar) trasmessa dai dipteri della famiglia Phlebotomidae. Filariosi ed elefantiasi dalla zanzara Anopheles, Culex, Stegomyia, Mansonia.

E una lunga lista di eccetera di contagi trasmessi dai vettori; come si può vedere le malattie trasmesse sono moltissime; e ci permettono di capire perché vogliamo proteggerci dalle stesse; e le Magliette anti-vettori STINGbye ci aiutano a essere più protetti.

aanti-moustiques
ZANZARA COMUNE:

Culicidae, nota anche come zanzara comune. E’ un insetto volante dal corpo snello e lunghe gambe sottili, gli adulti possono raggiungere i 1.30 centimetri di lunghezza ed è inoltre importante sapere che le larve si riproducono sempre in acqua, è per questo che ogni volta che c’è un’epidemia trasmessa dalle zanzare le persone si sbarazzano di qualunque cosa contenente acqua, in quanto questa accresce il loro processo di riproduzione.

ALIMENTAZIONE:
Le femmine sono ematofagi, si nutrono del sangue di altri animali, sono quindi vettori ricorrenti di malattie infettive. La maggior parte delle femmine della famiglia Culicidae hanno un apparato boccale simile ad una proboscide, in grado di perforare la pelle dei mammiferi, succhiandogli letteralmente il sangue. Le femmine necessitano di un’alimentazione a base di sangue per poter iniziare il ciclo gonotropico ed essere in grado di deporre le uova. Avranno bisogno di cibarsi di sangue prima di deporre uova vitali. Per quanto riguarda gli altri insetti, il ciclo di vita della zanzara si sviluppa in quattro fasi distinte: uovo, larva, crisalide e stadio adulto. La sua velocità di crescita varia da specie a specie e in base alla temperatura.

Le larve della famiglia Culicidae si possono riprodurre in un qualsiasi ambiente acquatico, lasciato stagnare per almeno una settimana, dall’Ecuador al Circolo Polare Artico. Non hanno bisogno di enormi quantità di acqua e alcune volte pochi centimetri gli sono sufficienti per completare lo stadio larvale.

MALATTIE:
La maggior parte degli sforzi fatti per eliminare le zanzare sono focalizzati a sterminare tali vettori, cercando di sterminarle sia nel loro stadio larvale che adulto. Questo è il motivo per cui vengono prosciugate zone con acqua o vengono trattati siti di riproduzione e altre potenziali aree, incluse le case con gli insetticidi. Negli anni tali azioni hanno molto spesso causato effetti collaterali sull’ambiente di magnitudo maggiore o minore. Prima della comparsa degli insetticidi usavamo armi biologiche, come pesci predatori, pipistrelli e anche libellule. Oggi, la maggior parte dei Paesi sviluppati concentra i suoi sforzi sul controllo integrato, in particolare sulle larve, utilizzando batteri tossici come il Bacillus thuringiensis contro le zanzare.

Culex pipiens, possono trasportare il virus del Nilo occidentale, che si sta attualmente diffondendo in America del nord, Europa, Africa e Asia. Serbatoi naturali di virus, come in molti altri casi, possono essere gli uccelli.

La maggior parte della zanzare in Spagna vive in aree urbane e in ambienti naturali. La più comune negli ambienti naturali è l’ “Ochlerotatus”, mentre nelle aree urbane la zanzare più comune è il “Culex pipiens”; la prima punge durante il giorno e attraverso i vestiti, la seconda al crepuscolo e all’alba.

I gruppi più vulnerabili della popolazione sono gli anzaini, dai 60 anni in su, e i bambini sotto i 2 anni. Le effetti collaterali possono essere: encefalite (infezione acuta o infiammazione del cervello), meningite (infiammazione acuta delle meningi, le membrane protettive che ricoprono il cervello), o meningo-encefalite (una combinazione di entrambi).

anti-moustiques

LA FEBBRE DENGUE E LE ZANZARE ANOFELE (MALARIA):

La zanzare della febbre gialla è il vettore primario della febbre dengue, della febbre gialla e di altre malattie. Appartiene al sottogenere delle Stegomyia, al genere delle Aedes e alla famiglia delle Culicidi.

DOVE LA POSSIAMO TROVARE?

Le zanzere anofele vivono quasi in ogni parte del mondo, inclusa l’Europa, l’Africa, l’Asia, l’America e l’Oceania, e in particolare nelle zone miti, tropicali e subtropicali. Contiamo circa 400 differenti specie di Anofele, tra cui 30 o 40 trasmettono 4 differenti tipi di pericolosi parassiti Plasmodium falciparum (Malaria). Una delle specie più comuni in Europa è l’Anofele atroparvus.

CICLO VITALE:
Come tutte le zanzare l’Anopheles attraversano 4 stadi separati e distinti del loro ciclo vitale: uovo, larva, crisalidi e stadio adulto. Allo stadio adulto le femmine sono vettori di malaria. Una femmina adulta può vivere fino a un mese (un po’ di più in cattività), mediamente vivono 2 settimane.

Il tempo tra la deposizione delle uova e lo stadio adulto varia da specie a specie e dipende dalla temperature ambientale. In condizioni naturali questo processo richiede dai 10 ai 14 giorni, ma a volte può durare anche solo 5 giorni.
Le femmine non solo hanno bisogno di zuccheri, ma anche di proteine per lo sviluppo dell’uovo, ecco perchè si cibano di sangue

Dopo essersi cibate di sangue, le femmine si riposano alcuni giorni finchè il sangue non viene digerito e le uova si sviluppano grazie ai nutrienti estratti. In 2-3 giorni le uova sono abbastanza sviluppate per essere depositate. Dopo la deposizione delle uova il ciclo ricomincia fino alla morte della zanzara femmina, che solitamente avviene tra i 7-14 giorni (di più in cattività).

MALATTIE:

Al momento non ci sono vaccine efficienti antivirali contro la febbre gialla, nè vaccine per la febbre dengue o per la malaria. In Africa la malaria è trasmessa dalle Anofele gambiae e dalle Anofele funestus, essendo il sangue umano la loro fonte primaria di nutrimento.

La maggior parte di loro compaiono solo al tramonto o di notte. Anche se questo fatto non è molto noto, l’Europa è stata soggetta a trasmissioni di malaria fino alla metà del XX secolo e in Spagna non è stata ufficialmente debellata fino al 1964. Tuttavia un uso eccessivo e ingiustificato di insetticidi può creare in molti casi una resistenza a questi.

Febbre dengue:

: anche conosciuta con il nome di febbre spaccaossa. E’ trasmessa da zanzare del genere Aedes, dalla zanzara all’uomo e dall’uomo alla zanzara. In alcuni Paesi la dengue si è sviluppata in una forma nuova e più pericolosa con il nome di febbre emorragica.

Questa zanzara si può trovare ovunque e si consiglia di eliminare le acque stagnanti.

Febbre gialla:

è trasmessa da zanzare della specie Aedes aegypti e da altre sempre appartenenti alla specie Aedes. Il contagio avviene da uomo a zanzara e da zanzara a uomo. Si possono trovare nella maggior parte delle città più calde del mondo.

Rimedi: vaccini, eliminazione di siti di riproduzione, repellenti e zanzariere.

Filariosi: può essere causata dalla elefantiasi. Trasmessa principalmente dalle zanzare culex pipiens, anofele e dalle aedes, dall’uomo alla zanzare e viceversa. E’ presente in ogni parte del mondo.

Malaria: 

trasmessa dalle anofele, dall’uomo alla zanzara e viceversa. La si può trovare nelle zone calde del mondo, anche se in alcune di esse è stata debellata. La prevenzione alla malaria include l’eliminazione di acque stagnanti, così come l’uso di repellenti e zanzariere. Diverse specie del genere Anofele sono vettori di malaria umana.

Con più di 200 millioni di casi ogni anno, la malaria è la malattia infettiva più letale al mondo, quella che causa la maggior parte della morbilità ed è uno dei fattori più influenti sull’economia dei Paesi affetti, specialmente in Africa.

Le  Anopheles gambiae e le Anopheles funestus sono probabilmente la specie animale più letale per l’uomo, a causa della trasmissione di questa malattia mortale.

Siamo tutti consapevoli dei rischi di salute che seguono se si viene morsi da insetti vettori (zanzare, cimici, pidocchi, zecche, ecc.). Questo è il motivo per cui STINGbye si è impegnata a condurre diversi studi al fine di progettare determinate stoffe in grado di proteggerci efficacemente dalle punture di insetto.

Possiamo prevenire una quantità infinita di malattie, dai fastidi minori causati dal morso di zanzare comuni (anche se sembrano benigne possono causare reazioni allergiche in alcune persone), a quelli con conseguenze fatali.

antimosquitos, antipiojos, antigarrapatas

ZANZARA TIGRE ASIATICA:

E’ caratterizzata da un corpo e da gambe a strisce bianche e nere e ha una linea bianca longitudinale ben riconoscibile sul torace e sulla testa.

CICLO  VITALE:

Proprio come le altre specie di zanzare, le femmine hanno un muso lungo e sottile chiamato proposcide, che viene usata per forare la pelle e succhiare il sangue dei vertebrati, in particolare di mammiferi e uccelli. Questa zanzara utilizza il sangue come fonte proteica per sviluppare le sue uova. Utilizza piccoli recettori situati di fianco alla proboscide per rilevare l’anidride carbonica da animali o umani. Quando punge utilizza una sostanza anticoagulante per estrarre ed assorbire il sangue.

Le larve si riproducono in recipienti contenenti piccole quantità di acqua, soprattutto in zone ombrose, come barattoli, secchi, vasi, vasi di fiori e altri oggetti che contengono acqua in giardini, cortili o terreni incolti. Negli ambienti naturali le cavità degli alberi piene di acqua sono i loro siti di riproduzione preferiti. Nel nostro ambiente una zanzara ricerca principalmente punti d’acqua artificiale creati dall’uomo. La sua puntura, anche se avviene attraverso i vestiti, è abbastanza fastidiosa. Di solito pungono di giorno, a differenza di quasi tutte le altre specie.

E’ inclusa nella lista delle 100 peggiori specie esotiche invasive del mondo secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN).

DOVE LA POTETE TROVARE ?

La zanzara tigre asiatica è originaria del Sud-est asiatico, ma essendo una specie invasiva si è diffusa anche in Africa, America ed Europa dal 1979 e in seguito anche in tutto il Pacifico.

Arrivò per prima negli Stati Uniti nel 1985 e poi in Brasile nel 1986. In seguito invase il Messico, dove fu avvistata per la prima volta nel 1988. Invase poi l’America Centrale: Guatemale, Honduras, El Salvador, Nicaruaga e Panama; e nei Caraibi le Isole Cayman, la Repubblica Domenicana e Cuba. Nel Sud America si diffuse in 20 dei 27 stati del Brasile, ospitando 2 genotipi. E’ anche presente in Colombia, Argentina e Venezuela.

In Europa, dal 2006, è stata avvistata in Albania, Italia, Spagna, Francia, Belgio, Svizzera, Ungaria, Montenegro, Olanda e Grecia. In Catalogna (Spagna) la sua presenza è stata notificata dal dipartimento di controllo delle zanzare del Consell Comarcal del Baix Llobregat, nell’estate del 2004, nella piccola città di San Cugat del Vallés e nei paesi intorno. Tuttavia non vi è alcuna traccia di trasmissione di malattie in questa zona.

MALATTIE:

Nelle aree endemiche la zanzare tigre asiatica è un vettore nella tramissione di malattie, quali la febbre dengue (in America centrale e meridionale), la febbre gialla e il virus del Nilo occidentale, anche se quest’ultimo con meno frequenza rispetto alle Culex pipiens.

Nell’estate del 2007 ci fu un’epidemia endemica di febbre chikungunya a Ravenna, in Italia, causata dal virus CHIKV e diffusa dalla puntura della zanzara tigre asiatica; fino ad allora le malattie avevano colpito solo i tropici, fu quindi un campanello d’allarme riguardo alla globalizzazione di tali infezioni. Nel 2014 scoppia una nuova epidemia di Chikungunya, causando morti in America. I due Paesi più colpiti furono la Repubblica Domenicana e il Venezuela.

Nell’estate del 2010 le zanzare tigre asiatiche nel nord della Grecia risultarono infette dal virus del Nilo occidentale, causando la morte di alcune persone dopo essere state punte.

antimosquitos, antipiojos, antigarrapatas

CIMICE:

Cimex lectularius, comunemente conosciuta come punaise

è un insetto emittero della famiglia cimicidi. È un ematofago, ciò significa che si nutre di sangue fresco umano o di altri animali. Di solito vive nei materassi, divani e in altra mobilia.

COMPORTAMENTO DELLE CIMICI

Sebbene ci siano anche cimici diurne, la maggior parte di esse è attiva principalmente durante la notte. Le cimici sono attratte sia dal nostro calore che dalla presenza di CO2 (anidride carbonica) nel nostro respiro.

Il primo sintomo che potresti sentire è una sensazione di prurito nel punto in cui sei stato morso, che corrisponde alla tua reazione cutanea agli agenti anestetici contenuti nella saliva della cimice. Le punture sono di solito disposte in file o gruppi e possono trovarsi ovunque sul corpo umano. Assomigliano a delle piccole aree piatte o in rilievo sulla pelle e a volte danno un intenso prurito.

Le punture delle cimici sono molto simili a quelle delle zanzare, anche se i loro sintomi durano di più. Le punture a volte richiedono svariati giorni prima di diventare visibili e i sintomi possono impiegare fino a 9 giorni prima di manifestarsi.

In casi eccezionali le persone possono sviluppare delle reazioni allergiche alla puntura e sentirsi la febbre e nausea. Nella maggior parte dei casi, le persone che sono state punte hanno provato sofferenza, malessere generale e hanno avuto un sonno agitato.

La maggior parte dei pazienti, le cui punture sono curate con corticosteroidi per ridurre il prurito e il bruciore, non stanno mostrando alcun miglioramento significativo. In alcuni casi i farmaci antistaminici riducono il prurito, ma ciò non cambia comunque l’aspetto e la durata delle lesioni.

Corticosteroidi ad uso topico, come la crema di idrocortisone, sembrano ridurre le lesioni e il prurito.

MALATTIE:
Numerosi test di laboratorio sono giunti alla conclusione che le cimici non sono in grado di trasmettere agenti patogeni da una persona all’altra, diversamente dai vettori di malattie. Pertanto sembrano essere meno pericolose di altre specie comuni, come le pulci. Tuttavia, in particolari condizioni, le cimici potrebbero risultare vettori di malattie, come il morbo di Chagas e l’Epatite B.

Avviene molto raramente che le persone abbiano reazioni anafilattiche a causa delle punture delle cimici. Le persone con un alto numero di punture potrebbero sviluppare anemia.

antimosquitos, antipiojos, antigarrapatas

PIDOCCHO:

Le pidocchio umano (Pediculus humanus)è un insetto appartenente all’ordine phthiraptera, appartiene alla famiglia Pediculidae senza ali, alla quale appartengono circa 3250 specie. Le loro uova prendono il nome di lendini e il pidocchio le attacca ai capelli o alle piume del corpo ospitante. Sono dei parassiti e colpiscono soprattutto i bambini e gli adolescenti.

CYCLE DE VIE:
Anoploures : poux suceurs, y compris les poux de tête et des vêtements : Pediculus humanus.

Dans sa forme adulte, il est un insecte de forme ovoïdale et d’une couleur blanche grisâtre. Il dispose de 6 pieds finissant en une sorte de crochets qui lui permettent de s’adhérer aux cheveux. Ils ne disposent pas des ailes, donc ils ne volent pas ni sautent.

Ils sont d’environ 2 à 10 millimètres et sont facilement visibles à l’œil humain. Ils ont le corps translucide avec une légère nuance de jaune ou brun. En outre, on peut distinguer le sang qui se trouve à l’intérieur de son corps dans une petite cavité à l’intérieur.

Au cours de son cycle de vie, le pou femelle pond les petites lentes de couleur jaune ou blanc, sur le cuir chevelu, de préférence dans la zone occipitocervicale (mieux connu comme la nuque) et derrière les oreilles. Chaque pou femelle pond environ 8 lentes par jour.

Ils se développent à des températures comprises entre 22 et 36 ° C. De 6 à 9 jours la lente mature, la nymphe se libère. La nymphe ressemble à un pou adulte, mais elle est de la taille d’une tête d’épingle. Les nymphes sont transformées en 7 jours environ, elles mûrissent et passent par trois états pour devenir des parasites adultes. Le pou adulte peut vivre jusqu’à 30 jours sur la tête d’une personne. Il se nourrit de sang plusieurs fois par jour. Sans alimentation le pou peut mourir dans 1 ou 2 jours en dehors de l’hôte.

MALATTIE:

La sua infestazione provoca pediculosi ed è considerato il trasmettitore del tifo, febbre da trincea causata dal pidocchio Rickettsia e febbri ricorrenti causate dal battere Borrelia.

I pidocchi sono parassiti umani fin dai tempi più antichi. Rappresentano tutt’ora un grande problema, che cresce e si diffonde con rapidità insolita in presenza di catastrofi naturali, guerre, miseria o carestie.

La diffusione della pediculosi è cosmopolita. Mancanza di igiene, promoscuità, sovraffollamento e migrazione ne facilitano lo sviluppo. Colpisce di solito intere famiglie e vi è stato un aumento significativo nella sua diffusione negli ultimi dieci anni. Colpisce tutte le persone, in particolare le donne e i bambini.

Negli ultimi anni la pediculosi è diventata un fenomeno così frequente che difficilmente richiama l’attenzione. E’ passata dall’essere una malattia che le persone celavano fino a diventare un fatto quasi abituale nella vita del bambino a scuola.

Au cours des dernières années, la pédiculose est devenu un phénomène si courant qu’il n’attire presque aucune attention ; elle est passé d’être une maladie qui était caché, à devenir un événement presque habituel dans la vie de l’enfant pendant sa vie scolaire.

Ma se guardiamo le cose sotto questa prospettiva, le conseguenze sui bambini sono parecchie e possono andare dal loro rendimento a scuola ai gravi danni che si possono avere nell’organismo.

antimosquitos, antipiojos, antigarrapatas

PULCI:

I sifonatteri, sont un ordre de petits insectes néoptères et aptères, populairement connus comme puces. Les puces sont des parasites externes qui vivent du sang des mammifères. Environ 1.900 espèces sont connues.

CICLO  VITALE:
Le pulci sono piccoli insetti, la cui lunghezza varia da 1.5 a 3.3 mm, molto agili e generalmente di colore scuro; hanno un tubo boccale particolarmente adatto a cibarsi del sangue dei loro ospiti.

Hanno un corpo compresso lateralmente, per permettergli di muoversi liberaramente nei capelli o piume dell’ospite. Hanno gambe lunghe e spiccano grandi salti grazie alle loro gambe posteriori, che possono raggiungere fino ai 18 cm in direzione verticale e i 33 in direzione orizzontale. Ciò significa che sono in grado di fare salti fino a 200 volte la loro lunghezza, rendendole le migliori saltatrice in relazione alla loro dimensione corporea. La durezza del loro corpo gli permette di resistere a grandi pressioni, come graffi o anche pressioni esercitate da dita umane.

Le cimici sono insetti olometaboli, vale a dire che hanno una metamorfosi completa: uovo, larva, crisalide e stadio adulto. Il periodo della metamorfosi va dalle due settimane agli otto mesi a seconda della temperature, umidità, cibo e in base al tipo specidico di specie. Normalmente, dopo essersi nutrite di sangue, le cimici depositano tra le 15 e le 20 uova al giorno per un totale di 600 uova in tutta la loro vita, depositandole su cani, gatti, ratti, conigli, topi, scoiattoli, umani, ecc.

Le uova sono depositate a caso nella pelliccia o nei capelli e la maggior parte cadono ovunque, soprattutto dove l’ospite riposa, dorme o nidifica (tappeti, coperte, divani, box per cani e gatti, cucce, piccolo scatole, ecc.)

Tra circa i cinque e i quattordici giorni, le cimici adulte affiorano in superficie o rimangono a riposo nel bozzolo fino a che non percepiscono il movimento di persone o animali, pressione, calore, umidità o anidride carbonica, il che significa che hanno una fonte di sangue nelle vicinanze.

MALATTIE:

In generale le pulci sono solo un fastidio per i loro ospiti, ma alcune persone e animali soffrono di reazioni allergiche alla loro saliva, provocando eruzioni cutanee. Le punture delle cimici generalmente portano alla formazione di zone infiammate e con un leggero gonfiore, causando prurito e presentano un unico foro nel centro.

Tuttavia diverse specie di pulci possono trasmettere malattie, come il tifo e la devastante peste bubbonica, trasmessa tra roditori e nell’uomo dal topo di fogna e il ratto nero. Trasmettono anche la tenia, come il Dipylidium caninum, che infesta l’uomo.

Comments are closed.